Risvegliarsi in uno strano posto – Eric Arvin

WokeUpinaStrangePlaceITLG

Joe si sveglia in un campo d’orzo senza vestiti, senza ricordi e senza nessuna idea di come ci sia arrivato. Ancora non lo sa, ma quello è l’ultimo grande viaggio della sua vita. Con Baker, la sua anima guida, e la spinta a essere coraggioso di un misterioso, seducente e in qualche modo familiare Straniero, Joe parte per un viaggio attraverso un mutevole paesaggio fantastico per affrontare il suo passato.

La ricerca non è priva di sfide. Il passato di Joe non è sempre una cosa facile da rivivere, ma se vuole trovare la pace – e riunirsi allo Straniero da cui è fortemente attratto – dovrà continuare fino alla fine, non importa quanto sarà forte la tentazione di fermarsi lungo la strada.

Acquistalo sul sito!

Autore: Eric Arvin

ISBN-13: 978-1-63216-432-2
Pagine: 233
Copertina: Paul Richmond
Traduttore: Laura di Berardino

 Dicono del libro:

Quello che troverete in Risvegliarsi in uno strano posto è un viaggio bellissimo, difficile, necessario. Proprio come in Solo una bozza, Eric ci prende per mano, attraverso il protagonista, e ci conduce in posti nuovi, mai visitati prima, alla ricerca di noi stessi. Ma questa volta Arvin supera se stesso. È stato di una bravura incredibile nel descrivere i luoghi, i ricordi, le persone.

– 5 stelle da Sil-ently aloud

A mio parere, l’autore ha dato un nuovo valore alle parole, ai sentimenti, alla morte, all’amicizia, alla famiglia, all’amore.

– da Tre libri sopra il clielo

Annunci

11 pensieri su “Risvegliarsi in uno strano posto – Eric Arvin”

  1. E’ come un viaggio di Alice nel paese delle Meraviglie con uno Sfondo Dantesco da Divina Commedia… molto strano come libro, lo sto ancora leggendo. Volevo sapere Emanuela, come mai la scelta di lasciare in inglese i titoli dei capitoli. Se lo sai, ovviamente.

        1. Alcune durante la revisione le avevo cercate per accertarmi che esistessero, poi quando ho restituito il draft finale alla DSP evidenziando il problema, loro hanno fatto una ulteriore verifica con l’editor del romanzo originale, e credo ce ne fossero altre che io non conoscevo.

  2. Ciao a tutti, sono nuova del sito !
    Sono arrivata a pagina 258 del libro e francamente non ho ancora capito se mi piace oppure no.
    E’ veramente poetico, pieno di amore e di significato, però…
    Il “problema” è che mi ricorda moltissimo “amabili resti” e quindi, anche se in chiave diversa è un po’ un “dejà vù”…
    Staremo a vedere come va a finire!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...